Categoria: MENA

  • Diversi militanti dello Stato Islamico arrestati recentemente nell’Iraq del nord

    Le forze di sicurezza irachene hanno arrestato nella notte di martedì 21 gennaio 2020 un militante dello Stato Islamico nella provincia di Kirkuk nel nord dell'Iraq. Secondo quanto affermato dalle fonti locali, la persona arrestata sarebbe 'un elemento pericoloso e membro della leadership dello Stato Islamico'. Questo arresto sarebbe uno degli ultimi effettuati dalle forze militari e di polizia irachene nell'ultimo periodo nell'area settentrionale del paese.

  • Geopolitics of the Libyan crisis

    The Libyan crisis directly interests Italy which in the last days tried to manage the escalation inviting in Rome Khalifa Haftar and Fayez al-Serraj without any success. In fact, the Italian attempt to conduct its personal diplomacy resulted in a disaster when al-Serraj refused to come to Rome as a sign of protest against the Italian government that since 2014 have supported Tripoli government and now with a late desperate move wants to protect its interests in North Africa creating a network of contact with the different Libyan local key actors as Haftar.

  • La morte di al-Baghdadi e l’illusione della vittoria

    La morte del leader dello Stato Islamico Abu Bakr al-Baghdadi in Siria a causa di un raid a guida statunitense può considerarsi uno dei tanti eventi nella lotta al terrorismo, ma non la vittoria su quello che è un fenomeno di portata mondiale che si è insinuato nelle crisi regionali grazie agli errori di politica estera ed interna degli attori internazionali.

  • How jihadists proliferate in the Libyan chaos

    The confrontation between al-Serraj and Haftar in Libya is creating the conditions for the expansion of the jihadist activities in the country. The lack of control in Libya might have serious repercussions for the entire North Africa and direct consequence for the security of the European Union and in particular Italy.

  • Missione in Iraq: l’Italia lascia la diga di Mosul

    Termina la missione italiana a Mosul nel Kurdistan iracheno con la cerimonia che si è svolta il giorno 1° marzo 2019 e il passaggio di consegne tra il contingente italiano e quello statunitense. Si chiude così una pagina di storia militare italiana che ha visto l'Esercito Italiano impegnato in operazioni di training e supporto al personale militare iracheno impegnato nella lotta contro lo Stato Islamico.