Category: Economy

  • Interessi italiani lungo la Nuova Via della Seta: possibilità e minacce

    Anche se l'Italia è pronta a giocare un ruolo fondamentale nella Nuova Via della Seta sfruttando il suo potenziale marittimo e navale e le relazioni diplomatiche con la Cina, il Bel Paese deve considerare gli effetti della radicalizzazione e dell'instabilità della regione mediterranea e centro asiatica sulla propria sicurezza interna per poter evitare l'affermarsi di correnti terroristiche con relative conseguenze sul piano sociale ed economico.

  • L’Etiopia punta a divenire un hub produttivo regionale

    L'Etiopia, uno dei paesi tra i più poveri al mondo, continua a registrare un trend positivo nel campo della crescita economia grazie al supporto di attori regionali ed internazionali come la Banca Europea per l'Investimento che ha deciso di destinare 10 milioni di dollari per supportare lo sviluppo economico e delle imprese locali ed al suo Piano di Crescita e Trasformazione.

  • Marocco: opportunità per le imprese e strategia energetica

    La forza delle relazioni internazionali e delle istituzioni nel continente africano hanno reso il Marocco un paese estremamente interessante in grado di poter giocare un ruolo importante nello scacchiere della diplomazia e dell’economia in ottica sia continentale che europea divenendo così un hub finanziario che basa la sua forza su un progetto di diversificazione e sulla stabilità politica.

  • Moldavia. Dove, come e perché conviene investire

    La Repubblica di Moldavia si configura come un importante mercato economico per gli investimenti esteri in diversi settori, tra cui si evidenziano quello dell'agribusiness, dell'industria leggera e dei servizi logistici. L'Italia ha aumentato negli anni la propria presenza ed i propri investimenti in loco a dimostrazione dovuti al collegamento che il paese ha sia con lo spazio dell'Unione Europea sia con lo spazio post-sovietico, in special modo la Russia.

  • La Cina rilancia la Via della Seta: opportunità per Italia ed ASEAN

    La strategia One Belt, One Road elaborata e lanciata da Pechino nel 2013, nota a molti come Nuova Via della Seta, continua ad essere uno dei punti fermi della politica estera ed economica della Repubblica Popolare Cinese come dimostra il recente incontro avvenuto nella capitale cinese che ha visto la partecipazione dei rappresentanti di 29 paesi, tra cui l'Italia con il Premier Gentiloni, per discuterne le prospettive di sviluppo futuro.