Geopolitical Report Vol.1/2021 “Progetto E40: analisi economica, impatto geopolitico e rischi ambientali”

ASRIE Analytica ha pubblicato il primo volume di Geopolitical Report del 2021 dal titolo “Progetto E40: analisi economica, impatto geopolitico e rischi ambientali” redatto da Silvia Boltuc con il fine di analizzare il progetto di interconnessione fluviale E40 attraverso la selezione e comprensione delle fonti aperte.

Il progetto di interconnessione fluviale E40 interessa l’Ucraina, la Bielorussia e la Polonia e ha come obiettivo quello di creare un corridoio di trasporto che possa unire il Mar Baltico al Mar Nero e favorire così un incremento di scambio di merci. Tale infrastruttura, una volta realizzata, avrà un peso geopolitico significativo, perché non solo migliorerà la cooperazione tra i governi di Kiev, Minsk e Varsavia, ma al contempo diminuirà l’influenza che Mosca è in grado di esercitare in Europa centro-orientale. Questo report ha come obiettivo quello di analizzare l’impatto geopolitico, economico e ambientale dell’E40 con il fine ultimo di comprendere se questa infrastruttura potrà realmente portare benefici ad Ucraina, Bielorussia e Polonia o comporterà solamente un disastro ambientale.

Considerando l’attuale situazione geopolitica che vede Mosca in contrasto con Kiev a seguito della Crisi Ucraina del 2014 e della relativa annessione della Crimea al territorio russo, Minsk alle prese con una crisi politica generata dalle elezioni presidenziali dello scorso agosto 2020 che hanno rinnovato il mandato presidenziale ad Aleksander Lukashenko contestato con continue proteste dalla popolazione locale, e le difficili relazioni russo-polacche per ragioni di natura storica, culturale, politica ed economica, comprendere la reale fattibilità dell’E40 è fondamentale tenendo conto che questa infrastruttura potrà incidere sullo scacchiere geopolitico euroasiatico e nelle relazioni tra la Russia e l’Occidente.

L’autrice Silvia Boltuc ha realizzato questo report attraverso la ricerca, selezione, valutazione e comprensione delle fonti aperte in lingua inglese, russa, ucraina e polacca inerenti all’E40. Occorre evidenziare come i dati presentati dalle fonti governative risultino talvolta discordanti con quelli presentati dalle diverse organizzazioni non governative (ONG) e dai media internazionali.

Un aspetto fondamentale in questo lavoro di ricerca è quello legato al mondo imprenditoriale e politico che ruota attorno alla realizzazione dell’E40 in Ucraina che ha visto emergere una commistione di intenti politico-economici e la compagnia ucraina SOBI già citata in giudizio per alcune attività illegali.

E’ possibile scaricare e leggere il documento al seguente link:
Geopolitical Report Vol1/2021 “Proteggo E40: analisi economica, impatto geopolitico e rischi ambientali”