La fiera “Save the Planet” di Sofia evidenzia l’attrazione del mercato bulgaro per l’Italia

L’Inter Expo Center di Sofia, capitale della Bulgaria, ospiterà nei giorni 7-9 marzo la fiera “Save the Planet”, evento di livello regionale nel settore della gestione dei rifiuti e del risparmio energetico giunto oramai all’ottava edizione. Per il 2017 verrà messa in risalto la “economia circolare” e l’utlizzo dei riufiti nel settore agricolo. Questo evento, a cui parteciperà un gruppo di imprese italiane, mostra ancora una volta come la Bulgaria sia un paese appetibile per le imprese italiane.

Le aziende italiane ed internazionali che vi parteciperanno, infatti, pernetteranno ai visitatori ed ai professionisti di settore di confrontarsi sugli ultimi trend di riferimento, incontrare rappresentanti delle istituzioni europee e del Governo bulgaro, nonché di agevolare le opportunità di collaborazione commerciale.

Nello specifico verranno esposti prodotti, macchinari e servizi nei seguenti campi:

  • attrezzature e tecnologie della triturazione e pressatura sistemi di riciclaggio
  • conversione automatica dei rifiuti in balle e sistemi a biomassa
  • presse
  • caldaie a biomassa
  • sistemi di teleriscaldamento
  • apparecchiature per impianti industriali e agricoli per biogas, gas di discarica e di altri gas combustibili
  • impianti per il trattamento meccanico e biologico per la raccolta dei rifiuti solidi urbani non separabili
  • compostaggio macchine
  • sistemi di controllo della corrosione, unità di filtrazione dell’aria e sistemi di ventilazione particolare per purificare l’aria
  • diversi sistemi di pesatura che si adattano a diverse applicazioni

Agevolata dall’opera dell’Agenzia ICE, che per l’occasione predisporrà uno “stand Italia” e curerà l’organizzazione di un panel dedicato alle eccellenze settoriali nel nostro Paese, in cui le aziende partecipanti presenteranno le proprie attività e progetti, la delegazione imprenditoriale italiana disporrà di un’importante occasione per presentare l’expertise del Made in Italy anche nella protezione dell’ambiente.

In occasione di tale evento, e vista la partecipazione delle aziende italiane supportate dall’Agenzia ICE, la Dott.ssa Cinzia Bruno, Direttrice di Agenzia ICE Sofia, ha dichiarato che ogni hanno circa 500 aziende italiane mostrano il loro interesse nel mercato della Bulgaria e nel solo anno 2016 sono state organizzate 25 iniziative per favorire la conoscenza ed il business italo-bulgaro.

“La Bulgaria, – ha dichiarato Cinzia Bruno – con la sua vicinanza geografica e una struttura produttiva simile a quella italiana, è un mercato facilmente accessibile, conforme alle indicazioni delle PMI italiane e le numerose richieste che riceviamo ogni giorno sono una prova di questo fatto.”

La fiera “Save the Planet” vedrà quindi la partecipazione di sei aziende italiane:

  1. Ladurner Ambiente è una società leader nel trattamento dei rifiuti, in particolare nella produzione di energia da rifiuti, produzione di combustibili solidi rigenerativi (SRF), trattamento meccanico e biologico, compostaggio e digestione anaerobica. Ladurner è attiva nella progettazione e realizzazione di impianti per la selezione / trattamento dei rifiuti
  2. Hydro Italia è una società attiva nel settore del trattamento di acque e fanghi, costruisce impianti per la digestione anaerobica dei rifiuti dell’industria agroalimentare, compresa la frazione organica dei rifiuti solidi urbani per l’elettricità / calore o biometano
  3. Idro Group (Idrodepurazione) è una società specializzata nella digestione anaerobica dei fanghi di depurazione, frazione organica dei rifiuti domestici e agroindustria (produzione di energia elettrica, biometano, compost). Il Gruppo opera nel campo della purificazione di acqua potabile e delle acque reflue
  4. Apiesse è una azienda specializzata nella produzione e commercializzazione delle macchine agricole per l’insilamento tubolare. L’insilamento tubolare consiste nel riempire un sacco o saccone di polietilene ed utilizzarlo come contenitore per la conservazione anaerobica di insilati agricoli, o altri prodotti organici umidi, sottoprodotti umidi dell’industria alimentare al fine della loro conservazione
  5. Ecoimpianti è una società che offre una vasta gamma di servizi e attività di protezione ambientale e mantenimento dell’efficienza delle risorse, smaltimento dei rifiuti e tutela del territorio e del suolo, attiva nel settore delle energie rinnovabili – energia fotovoltaica, energia da biogas sia di discarica e gas da processi anaerobici. Progetta, costruisce e gestisce impianti per il trattamento dei rifiuti.
  6. CAF è un Gruppo che ha sviluppato un progetto per il trattamento di pneumatici scartati dalla pirolisi con tecnologia a microonde.

 


*Report elaborato dalla OSINT Unit di ASRIE Associazione tramite elaborazione comunicato DEI e raccolta dati da fonti aperte. Per maggiori informazioni in merito al mercato della gestione dei rifiuti e del risparmio energetico è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione all’indirizzo di posta elettronica info@asrie.org