ASRIE Associazione incontra i rappresentanti dell’Ambasciata Ucraina a Roma

Nella giornata di ieri lunedì 7 novembre 2016 un team composto dai membri di ASRIE Associazione e di Notizie Geopolitiche, quotidiano indipendente online di geopolitica e politica estera e partner dell’Associazione, ha incontrato i rappresentanti dell’Ambasciata Ucraina di Roma e discusso con S.E. l’Ambasciatore Yevhen Perelygin tematiche inerenti l’attuale situazione politica ed economica interna del paese e le relazioni a livello regionale ed internazionale.

Durante l’incontro l’Ambasciatore ucraino ha fornito una interessante panoramica delle relazioni tra Kiev e Mosca in merito alla questione della Crimea e del Donbass sottolineando la posizione ucraina e gli step effettuati dal proprio governo per favorire la realizzazione degli accordi di Minsk-2.

Parlando invece delle relazioni Italia-Ucraina, grande interesse è stato posto sullo scambio commerciale e sul fatto che dopo il 2015 l’Italia è divenuta il partner numero uno in Europa per gli esportatori ucraini: il totale delle esportazioni ucraine verso l’Italia supera la somma delle forniture totali verso Germania e Francia ed in termini di investimenti diretti esteri l’Italia risulta come uno tra i dieci maggiori investitori nell’economia nazionale ucraina.

Questi dati positivi, però, hanno subito una battuta d’arresto a causa della situazione in Crimea e nel Donbass: nel 2013 l’export italiano verso l’Ucraina era pari a 1,871 miliardi di euro mentre nel 2015 ha raggiunto solo quota 904 milioni, esito dello scontro tra Mosca e Kiev e dell’annessione della Crimea all’interno della Federazione Russa la quale, occorre ricordare, non riconosciuta a livello internazionale.

Questi dati negativi, come ribadito dall’Ambasciata Ucraina, non devono scoraggiare gli investitori italiani visto che ci sono ampi margini di miglioramento e che l’Italia può far valere il proprio Made in Italy e l’esperienza che ha raggiungo a livello internazionale in settori chiave come quello dell’efficienza energetica e dell’agribusiness.

In merito alle opportunità di investimento in Ucraina occorre segnalare il processo di privatizzazione delle imprese statali il quale, secondo i dati forniti dal Fondo di Proprietà Statale dell’Ucraina, prevede un totale di circa 8 mesi di tempo per l’intera procedura di acquisizione di una compagnia e che nel 2016 ha interessato 450 assets di cui 20 grandi imprese e 50 imprese medie.


*E’ possibile visualizzare l’intera intervista effettuata a S.E. l’Ambasciatore Yevhen Perelygin sul portale di Notizie Geopolitiche. Per maggiori informazioni in merito all’Ucraina ed alle possibilità di investimento, è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione all’indirizzo di posta elettronica info@asrie.org.