Mozambico: aumentano i progetti di investimento e la promozione economica

Nel 2014 il Centro de Promoçao de Investimentos (CPI) del Mozambico ha approvato 427 progetti per un valore totale di 6,34 miliardi di euro, ammontare complessivo superiore ai 3,77 miliardi registrati nel 2013 a dimostrazione di come la politica economica nazionale, anche durante il periodo elettorale appena concluso nel paese africano, stia conferendo una significativa importanza alla attrazione degli investimenti esteri e alla ideazione di progetti utili allo sviluppo nazionale. A tale ammontare si dovrebbero aggiungere gli oltre 817 milioni di euro i quali dovranno essere stanziati per il supporto dei progetti già esistenti ed in fase di sviluppo.

Secondo quanto affermato da Lourenço Sambo, Direttore Generale della CPI, l’esito positivo registrato nel 2013, dovuto specialmente al settore minerario nazionale (in particolare grazie a quello inerente l’estrazione del carbone) , ha superato le stime previste facendo registrare un trend positivo e favorendo quindi lo sviluppo delle infrastrutture.

Al settore minerario si deve aggiungere la scoperta di enormi riserve di gas naturale le quali rappresentano insieme al carbone i motori trainanti della modernizzazione del Mozambico, in particolar modo dell’industria aerospaziale attraverso la costruzione di aeroporti e di servizi logistici annessi. Emanuel Chaves, Presidente dellaMozambique Airports Company (ADM), ha dichiarato che la maggiore sfida per il paese è data dalla possibilità di connetterlo con le economie maggiormente sviluppate e più forti al mondo. In questo senso devono essere viste le costruzioni del Maputo International Airport avvenuta nel 2012 e del Nacala International Airport nel 2014; quest’ultimo aeroporto è stato definito dallo stesso Chaves come una pietra miliare nella strategia di sviluppo dell’aviazione civile nazionale volta a favorire l’incremento del turismo, dell’agricoltura e del settore minerario.

L’analisi del Direttore Generale della CPI evidenzia inoltre come gli investimenti esteri diretti (Foreign Direct Investments – FDI) abbiano superato anche nel 2014 quelli nazionali i quali, però, hanno registrato una crescita distanziandosi dai FDI soltanto per alcune centinaia di milioni. Ovviamente, secondo quanto affermato da Sambo, la creazione di Zone Economiche Speciali (SEZs) ha favorito l’interesse a livello internazionale e l’ingresso nel paese di capitali stranieri. Tra i principali finanziatori esteri si registrano gli Emirati Arabi Uniti (UAE) con un importo pari a 796 milioni di euro, le Mauritius (488 milioni), il Sud Africa (399 milioni) ed il Portogallo (300 milioni); per quel che riguarda l’Italia i FDI hanno raggiunto nel 2013 quota 24,39 milioni di euro, il 150% in più rispetto al 2012 che si era attestato sui 9,57 milioni di euro.

Tra le SEZs spicca quella di Nacala, la principale del paese situata a nord nella provincia di Nampula a circa 200 chilometri dal capoluogo provinciale ed a 500 chilometri di distanza dai confini con la Tanziania. Posizionata sulla costa del Mozambico, le sue condizioni naturali e l’esistenza di un porto ne determinano l’importanza come hub strategico per lo sviluppo del paese e della regione africana meridionale. Il porto di Nacala, infatti, può essere considerato il terzo più grande della costa orientale dell’Africa.

Nacala Special Economic Zone è posta al termine del corridoio di trasporto formato dalla strada che connette Nampula, capoluogo provinciale ed i paesi interni (in particolare Malawi e Zambia), conosciuta come Nacala Development Corridor (CDN) che rende l’intera area un centro logistico di sviluppo economico e sociale.


Per maggiori informazioni, analisi e consulenze in merito al Mozambico ed alle relative opportunità di investimento è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione all’indirizzo di posta elettronica info@asrie.org