Agricoltura, un settore prominente dello sviluppo economico dell’Azerbaigian

Salito alla ribalta nel panorama internazionale grazie al ruolo assunto nel mercato energetico, l’Azerbaigian è impegnato nel processo di diversificazione economica nazionale con l’obiettivo di sviluppare il settore non petrolifero e rendere il paese meno dipendente dagli idrocarburi. 

L’economia mondiale attuale necessita molto di più dei soli petrolio e gas naturale, infatti per uno sviluppo a lungo termine la diversificazione deve essere vista come uno step importante. I paesi produttori di petrolio attualmente sono assorti nella fase di riduzione dalla dipendenza dei profitti del settore petrolifero ed anche l’Azerbaigian, uno degli attori chiave del mercato energetico globale, è impegnato nell’intraprendere misure urgenti in tale direzione.

L’Azerbaigian è un paese con diverse zone climatihce, ricco di risorse nel sottosuolo, caratterizzato dalla presenza di risorse energetiche non tradizionali, fattori che hanno portato il paese a sviluppare la propria strategia di diversificazione economica. In questo caso l’agricoltura rappresenta una delle migliore soluzioni.

Analizzando il settore è possibile evidenziare i risultati delle riforme agrarie implementate fin dal 1995 le quali hanno permesso la creazione di relazioni di mercato nell’economia nazionale, lo sfruttamento effettivo della terra e delle proprietà, il miglioramento delle strutture del settore, la creazione di una classe imprenditoriale.
Recentemente il Presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha firmato un ordine esecutivo dichiarando il 2015 l’Anno dell’Agricoltura nel paese; tale decisione vede come fine quello di dare nuovi stimoli allo sviluppo ed alla modernizzazione del settore primario, assicurando un approccio sistematico e complesso per la risoluzione dei problemi, interessando le risorse finanziare ed amministrative del Governo e promuovendo il potenziale agricolo nazionale.

Lo sviluppo dell’agricoltura è uno degli obiettivi principali della politica economica dell’Azerbaigian ed il paese ha effettuato grandi progressi nelle riforme, nello sviluppo del settore e nel miglioramento della sicurezza alimentare nazionale; infatti, settore primario e sicurezza alimentare sono stati inseriti come elementi chiave del programma di sviluppo nazionale “Azerbaijan Vision 2020: outlook for the future” il quale prevede, oltre al raggiungimento della produzione agricola in modo da garantire l’autosufficienza, lo sviluppo del potenziale economico agricolo per poter dare il via alle esportazioni in futuro.

Con il fine ultimo di raggiungere questi obiettivi chiave prefissati dal Governo di Baku l’Azerbaigian è interessato ad espandere la cooperazione con quei paesi i quali godono di una esperienza e know how riconosciuti a livello internazionale nel settore agricolo, tra cui figura ovviamente l’Italia. Esistono circoli di attività economiche importanti nel paese caucasico i quali potranno attirare gli investitori italiani e, grazie alla cooperazione nel campo agricolo, sarò possibile rafforzare le relazioni tra l’Italia e l’Azerbaigian stesso. L’EXPO 2015 di Milano, evento internazionale, può essere visto come una grande opportunità per rafforzare tale relazioni esistenti: lo Stato azerbaigiano parteciperò alla esibizione mondiale grazie al suo pavilion nazionale orientato a promuovere e mostrare al pubblico italiano le caratteristiche storiche, geografiche e culturali unite alla modernità che il paese ha raggiunto.

Il programma di sviluppo nazionale e l’importanza data da Baku ad EXPO 2015 creano quindi grandi aspettative per l’Anno dell’Agricoltura in Azerbaigian il quale rappresenta il potenziale reale per migliorare il settore e raggiungere nuovi mercati; i risultati positivi attesi dagli esperti potranno quindi aiutare l’agricoltura nel divenire uno dei settori chiave dell’economia azerbaigiana.


AUTORE

Magsud Dadashov: corrispondente speciale dell’Azerbaijan State Telegraph Agency (AzerTAG) in Italia.