Imprese italiane scoprono le opportunità di investimento in Pakistan

Una delegazione di imprenditori italiani ha incontrato mercoledì 4 dicembre il Board of Investment (BOI) e gli imprenditori del Pakistan con l’intento di scoprire le opportunità di investimento nei diversi settori dell’economia nazionale pakistana, in special modo quello energetico, agricolo, tessile e dell’ITC.

Parlando del proprio paese, il presidente del BOI, Muhammad Zubair, ha sottolineato l’importanza degli investimenti stranieri per lo sviluppo nazionale ed ha voluto rassicurare i businessman italiani circa la sicurezza del proprio paese: il Pakistan è infatti uno Stato che è costretto a fare i conti con il problema del terrorismo a causa della frontiera condivisa con l’Afghanistan e della difficile situazione presente nel Balochistan. La sicurezza, per stessa ammissione di Zubair, non deve però preoccupare gli imprenditori ed investitori stranieri grazie anche alla politica messa in atto da il Governo di Islamabad volta a rendere tale fenomeno marginale. Il Primo Ministro pakistano ha per questo motivo lanciato l’iniziativa di riportare la pace nell’area di Karachi con l’intento di favorire il miglioramento dell’economia.

Parlando di economia, il presidente del BOI ha dichiarato che lo Stato pakistano, grazie alle proprie leggi fiscali e grazie alla creazione di zone speciali dedite alla produzione ed agli investimenti, rappresenta un paese attrattivo dove poter avviare un proprio business. Lo stesso Ambasciatore italiano di Islamabad, Adriano Chiodi Cianfarnai, ha voluto enfatizzare il bisogno di promuovere il commercio bilaterale tra i due paesi grazie al grande potenziale ancora inesplorato che presenta il Pakistan. Gli incontri Business to Business (B2B), che si sono svolti al termine dell’incontro, hanno rappresentato una via preferenziale per favorire la conoscenza e l’approfondimento delle opportunità per le imprese italiane ed una forma di incontro con i businessman pakistani.
Attualmente, secondo i dati riportati dall’ambasciatore, diverse aziende italiane operano e lavorano nei settori dell’economia pakistana totalizzando un ammontare di investimenti pari a 200 milioni di dollari.

Durante l’incontro tra il mondo imprenditoriale italiano e quello pakistano è stata fornita una panoramica della legislazione che regole gli investimenti esteri ed è stata posta l’attenzione sui settori che presentano maggiori opportunità: agricoltura, Information Technologies, telecomunicazioni, energetico e tessile.

Ulteriori informazioni sono state date circa i progetti Pak-China Corridor, Lahore-Karachi Motorway e Muzaffarabad-Mirpur Express Way con l’intento di invitare le imprese italiane a valutare possibili investimenti da effettuare in tali infrastrutture.


Per ulteriori informazioni, analisi specialistiche e consulenze in merito al Pakistan ed alle relative opportunità di business ed investimento è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione all’indirizzo di posta elettronica info@asrie.org